Articoli

Vendere i tuoi prodotti online potrebbe sembrarti un’ottima idea, e in effetti potrebbe esserla, ma solo nel caso in cui il tuo e-commerce rispetti alcuni canoni essenziali.

Infatti, tanti imprenditori spendono migliaia di euro per creare dei negozi virtuali che, però, non li ripagano a sufficienza.

Potrebbero arrivare a chiedersi, come te, il motivo di questo insuccesso, e le risposte sono abbastanza facili da indicare.

Un negozio virtuale può aiutare un business a crescere ma solo a determinate condizioni, che spesso non solo quelle che le persone credono di dover rispettare.

Se sei dubbioso in merito all’opportunità di aprire il tuo e-commerce, eccoti alcuni motivi per i quali dovresti pensarci su.

 

Aprire un e-commerce: cosa fare e non fare

Sembra che, sempre di più, le aziende si buttino nel commercio online, cercando di cavalcare l’onda che è stata avviata qualche anno fa da quelli che, però, sono diventati veri colossi della vendita su internet.

Non ti diciamo che non dovresti mai aprire mai un negozio virtuale, ma che nel farlo dovresti pensare a che cosa stai facendo e seguire alcuni passi essenziali.

Un e-commerce non basta

Non pensare che aprendo un negozio online tutto il tuo business possa farti diventare multimilionario.

Dietro al tuo e-commerce devono esserci dei presupposti essenziali, costituiti dalla forza del tuo marchio, da ciò che vendi e produci.

Per costruire questa “forza” dovrai aver lavorato tanto in precedenza e dovrai averlo fatto nel modo giusto.

La tua reputazione dovrà essere ottima, dovrai avere un piano e dovrai essere stato seguito da diverse aziende nel settore del marketing.

Non seguendo questo iter non potrai sicuramente avere il successo con il tuo e-commerce.

 

Un e-commerce per fallire

Aprire un negozio online senza una precisa strategia, senza un piano, potrebbe farti fallire.

In primo luogo, per i soldi che dovrai spendere.

Potresti arrivare ad investire anche decine di migliaia di euro solo per la costruzione del tuo negozio online, per poi non ricavarne praticamente nulla.

In secondo luogo, perché un e-commerce fatto male potrebbe ledere alla tua reputazione.

Pensa ad aziende davvero solide come Eataly: questa solo di recente ha aperto la vendita online, e lo ha fatto in modo mirato e settoriale.

Ci sarà un motivo, no?

 

Una strategia necessaria

Se vuoi davvero aprire il tuo negozio online dovrai farlo ponendo alla sua base una fondamentale strategia.

Il negozio dovrà essere parte di un piano di marketing più ampio e “collaudato”.

Lo stesso e-commerce dovrà, quindi, avere alla base uno studio che si riferirà al tuo mercato, ai tuoi clienti target e al tipo di attività che svolgi.

Non basterà, quindi, aprire la tua vetrina al mondo per iniziare a vendere, in quanto dovrai far precedere la costruzione del negozio virtuale da tutta questa serie di passaggi.

Proprio tenendo in considerazione questi punti fondamentali dovresti pensare ad affidarti a qualcuno che sa quella fa, i quali ti aiuteranno non solo a capire se la vendita online possa fare al caso tuo, ma che ti consentiranno anche di iniziare a costruire un’ottima reputazione per il tuo marchio e per la tua azienda.

A trecentosessanta gradi.